L’ammortamento è un procedimento amministrativo-contabile con cui il costo di un bene viene ripartito nel corso di più esercizi. Oggetto del procedimento di ammortamento sono i cosiddetti beni a fecondità ripetuta, ovvero, che mantengono la loro utilità nel corso del tempo. Attraverso la procedura di ammortamento, infatti, il costo di tali beni viene spalmato su più anni in ragione della loro durata economica.

L’ammortamento degli impianti fotovoltaici è stato oggetto, in passato, di controversie legali e famosi pronunciamenti dell’Agenzia delle Entrate fino alla circolare 4E del 2017 che pose fine alle querelle riconoscendo che le componenti degli impianti fotovoltaici sono beni mobili e pertanto hanno coefficiente di ammortamento del 9% annuo. Contestualmente, gli impianti fotovoltaici venivano definitivamente ammessi al Superammortamento, che consisteva nella maggiorazione del 40% del costo fiscale.

Se oggi questa opportunità non c’è più è perché negli ultimi anni il Superammortamento è stato sostituito dal credito d’imposta, che per il 2021 in certi casi è maggiorato dal 6 al 10%, come vi avevamo già spiegato in un altro articolo del nostro blog.

Piano transizione 4.0: perché accelera l’ammortamento di un impianto fotovoltaico

Se l’ammortamento di un impianto fotovoltaico è un aspetto che non deve più preoccupare gli imprenditori, il Piano Transizione 4.0 del 2021 aggiunge un altro fattore di interesse: un 10% di credito di imposta.

Cosa prevede questo nuovo elemento incentivante?

Significa che a fronte di un investimento entro i 2 milioni di euro, effettuato da soggetti con un volume di ricavi inferiore ai 5 milioni di euro, il credito di imposta, nella misura del 10% dell’investimento, è utilizzabile in un’unica quota annuale (precedentemente era al 6% in 5 anni). Se il soggetto ha ricavi superiori ai 5 milioni il credito viene invece ripartito su tre annualità. Questa misura sarà valida fino al 31/12/2021, (eccetto ordini per il 2022 con versamento del 20%). 

Un altro elemento interessante è la cumulabilità dello stesso con altre agevolazioni riguardanti i medesimi costi a patto di non superare il costo sostenuto.

L’installazione di impianti fotovoltaici industriali rientra nell’acquisto di beni strumentali materiali. La tua azienda così potrà produrre energia pulita in maniera efficiente, contribuendo al risparmio energetico.

A oggi, gli impianti fotovoltaici sono una delle tecnologie più all’avanguardia per produrre energia a partire dalla fonte rinnovabile più potente, disponibile e gratuita: il sole. Sfruttare l’energia solare con un impianto fotovoltaico significa ridurre notevolmente le spese sostenute in bolletta e allo stesso tempo le emissioni di CO2.

Ammortamento impianto fotovoltaico: una tecnologia che si ripaga da sola… letteralmente!

Un impianto fotovoltaico permette di iniziare a rientrare dalle spese sostenute da subito perché l’impianto immediatamente produce energia elettrica. La produzione dei pannelli solari garantisce un risparmio negli anni successi delle spese che, altrimenti, si dovrebbero sostenere per comprare l’energia elettrica dalla rete.

Grazie al risparmio che abbiamo in bolletta, quindi, l’investimento iniziale si ripaga in modo autonomo.

Il tempo di ritorno dell’investimento va dai 5 anni ai 7 anni: ciò significa che il periodo necessario per pareggiare i conti rispetto alla spesa iniziale è abbastanza breve. Se l’acquisto dell’impianto viene realizzato mediante un mutuo chirografario (con leva bancaria pari al 70%) il tempo di rientro dell’investimento si dimezza.

L’energia solare è pulita, sostenibile e green

Nonostante gli innumerevoli vantaggi economici, vista la possibilità di usufruire del 10% del credito di imposta che accelera l’ammortamento dell’impianto fotovoltaico, ed ambientali, produrre energia pulita e sempre disponibile in loco, ad oggi molte aziende si sentono ancora frenate dalla spesa iniziale dell’intervento considerandola un costo.

In realtà, il fotovoltaico industriale è un investimento conveniente a prescindere dagli incentivi. Oggi grazie al calo dei prezzi dei pannelli un’azienda può realizzare un impianto fotovoltaico con costi sempre più contenuti.

Soprattutto per le aziende che hanno un’elevata richiesta di energia elettrica, installare pannelli fotovoltaici può risultare molto vantaggioso se l’impianto viene dimensionato nel modo più corretto per favorire l’autoconsumo. L’elettricità prodotta dall’impianto fotovoltaico e non auto-consumata può essere ceduta alla rete aggiungendo un ulteriore guadagno.

Grazie al fotovoltaico, il business è più green!

Le aziende che fanno uso di energia prodotta da fonti rinnovabili e che adottano metodi di produzione sostenibili sono premiate da un ritorno di immagine che apre le porte a nuovi clienti. Inoltre, le aziende che investono in ottica Green riescono a trarre da questo progetto numerosi vantaggi economici: tra tutti, il risparmio sulla propria bolletta energetica, aspetto fondamentale se si considera l’inasprimento dei prezzi attuali e l’indipendenza energetica.

Installare un impianto fotovoltaico presso la propria azienda oggi conviene davvero e risulta in numerosi vantaggi sia in termini di risparmio che in termini di attrattività verso un pubblico sempre più sensibile ed informato.

cta_nl_samandel